principale

Caldo Maggio

mafioso anni 50
mafioso anni 50

23 maggio del 1992.
Sto aspettando i miei cugini di Palermo.
La giornata è calda ed è bello sostare fuori ad osservare il giardinetto che rifiorisce e risplende di una luce calda ed estiva.
D’improvviso sento aerei volare a bassa quota, per un attimo sembra che ci sia una strana tensione nell’aria come se fosse accaduto qualcosa di grave.
La tv, che sta trasmettendo dei cartoni animati dei supereroi buoni e giusti che trionfano sulle forze del male, lascia spazio alla realtà ancora una volta ingiusta e cattiva.
Attentato a Palermo, un’esplosione nell’autostrada di Palermo, all’altezza di Carini,  fa saltare in aria l’auto che portava il giudice Giovanni Falcone, la moglie e gli agenti della scorta.
Arrivano i miei cugini, affermano di aver sentito il Boato da casa loro ma di non aver capito cosa fosse successo.
Quella volta, per la prima volta nella mia vita, sentìi la parola MAFIA.
Da quel momento in poi ogni cosa si collegava a questa strana parola araba MA-HIAS;Spacconeria.
per anni pensai si trattasi di una cosa che riguardasse una certa zona di Palermo e che non uscisse da lì…
eppure Palermo è a pochi passi,
illusioni da bambino di dieci anni che ha la fortuna di non capire bene la realtà non scolastica.
Sono passati 17 anni, in questi anni in tanti, chi credendoci seriamente, chi soltanto per dovere istituzionale, ha dichiarato;” La Mafia va combattuta ” “La Mafia fa schifo”.
poi leggo questo:
Dopo la recente sentenza della Cassazione che stabilisce che pranzare con un mafioso non è indice di gravi indizi di concorso esterno. Aspettiamo trepidanti di conoscere l’opinione della corte su cene e colazoni.”
Da L’Isola Possibile Maggio 2009
E, Soprattutto questo;”- Roma, 23 mag – Mentre si celebra solennemente il sacrificio di Falcone e Borsellino, i magistrati che hanno dato la vita nella lotta alla mafia, viene provocato un black out sui conti mafiosi, impedendo lo sviluppo di indagini e il sequestro di ingenti patrimoni criminali-” da ASCA.it
Ma se anche la Cassazione, che ha l’ultima parola su tutte le sentenze, ha questo atteggiamento permissivo, meglio legalizzare la mafia è diventare una specie di Singapore del Mediterraneo o Cuba degli anni 50.
Legalizziamo il gioco d’azzardo, le bische clandestine e La mafia, così i cittadini onesti si ritroveranno a ricordare i martiri caduti per mano mafiosa, e al grido di “no alla mafia” andranno al Casinò lussoso del noto mafioso a celebrare la festa “NO MAFIA, NO PARTY”

« Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola. »G. Falcone

principale

Statue sparite e presenze strane

Era la primavera di 55 anni fa
si festeggia la prima comunione di una bambina nella residenza dei principi Alliata.
La festeggiata non può vantare discendenze aristocratiche, la sua comunione viene festeggiata lì perchè la sorella della nonna  è la custode di questa residenza primaverile dei principi palermitani.
Un clima di festa per la piccolina che all’epoca ha soltanto 9 anni.
La bambina è felice come non mai, oltre ai tantissimi regali portati da innumerevoli parenti ed amici di famiglia c’è un regalo di particolare valore che attira l’attenzione della madre della bambina.
questo è un regalo importante“spiega l’amico del padre” è la statua della madonna di fatima fatta dai capuccini di Sciacca.Ammirate la cura con cui è stata riprodotta la faccia della madonna”
é vero, la statua è particolarmente bella e curata nei particolari.

Passa il tempo, la bambina si è ora sposata , vive in un piccolo paesello di mare immerso nel verde degli alberi dei limoni e delle insolie.
Dalla sua vecchia casa decide di portare con sè alcune cose, per lo più ricordi d’infanzia, vestiario, mobili ed una madonnina anzi quella madonnina della comunione  conservata gelosamente e scrupolosamente.
Si apre una nuova fase nella sua vita, ed a inaugurare questa nuova fase deve essere quella bella madonnina posta a protezione della casa in una apposita loggetta.
Lì resterà questo simbolo religioso affettivo oltre che un’opera di rara fattura artistica. Continue reading “Statue sparite e presenze strane”

principale

Spot elettorali e divorzi


Ieri sera anche Annozero ha deciso di fare il gioco del Cavaliere,
ossia campagna elettorale a costo zero dalla tv pubblica.
Perchè quello di ieri sera è da considerarsi uno spot elettorale al Premier.
Dopo la partecipazione alla festa dei diciotto anni di una aspirante velina figlia del suo amico napoletano conosciuto ai tempi del magna magna socialista craxiano, il divorzio dalla moglie, le promesse ai terremotati abruzzesi, mancava soltanto uno spot elettorale del genere
Dimenticandosi per una sera di

  1. Crisi economica
  2. Referendum elettorale
  3. Elezioni europee
  4. Precariato
  5. Fusioni fiat-crysler

ed a contorno del tutto, la recita dell’intervista di Veronica Lario curata da Monica Guerritore.
Così mi chiedo, perchè continuare a dare risalto a queste vicende private, tentando d’indignare il pubblico televisivo  compiacente e contento delle buffonate del premier, e perchè non si tenta  di far delle inchieste serie su

  1. Ronde padane
  2. Decreto sicurezza
  3. contenzioso Italia-Malta
  4. referendum
  5. Crisi economica

Non capiscono una verità appurata, troppa visibilità al premier è controproducente
Fà il suo gioco.
Forse è questo il prezzo da pagare dopo l’affaire Vauro?

principale

Maledetto Pc

non aggiornerò spesso questo blog causa pc infestato da ogni porcheria informatica(virus, worm,trojan e tant’altra bella roba)

a questo proposito ricordo che questo blog NON è da considerarsi, secondo la nuova legge della stampa del 7 Marzo 2001, come un «prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata»dato che la legge dice:

” prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici.”


ed aggiungo”questo prodotto riprodotto, dotto ed edotto, verrà aggiornato senza preavviso e con alterna regolarità, secondo lo scazzamento previsto dal mio articol
o 21 sulla libertà di cazzeggio protetta da copyright depositato al Tribunale di Aspra in data 30 febbraio 1900″