1

un mese dopo e più

è passato più di un mese da quel fatidico 4 ottobre, tutto ha assunto un aria di normalità e quotidianità.
Sono finiti i tempi frenetici dell’EXPO Italia, passati a sistemare cassette della frutta e sacchetti della spazzatura.
In quel mega magazzino passavo intere giornate, 12 ore lavorative, passate tra gli espositori calabresi che chiedevano interpretazioni e lamentele varie, prendendo contatti con i buyers e assaggiando qua e là, tra i vari stand, alcune specialità tipicamente calabresi. Utile e dilettevole insomma.

E alla sera continuava quella full immersion tipicamente italiana, ci si vedeva in giro a fare baldoria nei locali, a darsi completamente a bacco, tabacco e facili veneri della gare du nord.
Quel allegro e spensierato gruppone d’italiani andava in giro facendo baldoria, mischiandosi e confondendosi con i tanti spagnoli erasmus e cantando con loro “Bella Ciao” ci riscopriamo partigiani del mediterraneo tipico da esportazione, che contamina e confonde i tipici spiriti nordici tanto precisi e rigorosi, tanto da farci rimproverare dal proprietario del locale che arriva a dirci” Basta con questo “Bordel”.Le persone vogliono ascoltare le canzoni non i vostri cori da stadio.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...