1 · principale

Let it snow


Facile trovare il lato splendente della vita
in una giornata di sole.
La natura si rischiara, tutto riprende la sua luce naturale
anche se si prepara un freddo periodo.
Adesso la neve ricopre tutto, la sua soffice consistenza
copre tutto come un leggero mantello.
La neve rimane lì indifferente, la calpesti e si lascia schiacciare.
Ma te la porti dietro e non ti lascia facilmente.
La neve nasconde tutto, è una pausa fredda per la natura e gli uomini.
Ho scritto “welcome” sulla neve e lì è rimasto
con le impronte delle scarpe come nel tappetino d’ingresso.

Andare a fare la spesa parlando in italiano con una ragazza inglese cercando i prodotti preferiti
scritti in polacco mentre tenti d’inviare un sms in francese, certe cose sono persino complicate
immaginarle.
Eppure tutta questa (con)fusione linguistica ti fa capire quanto importante
sia capire l’origine delle parole, risalire alla radice delle parole
per ripercorrere la storia.
Alla fine, nessuno ci perde e tutti ci guadagnano.
Noi mediterranei ci stupiamo che il polacco non sia solo parole
che iniziano con tre o quattro consonanti
e suoni impossibili.
I polacchi possono parlare tutte le lingue del mondo, nessuna (o quasi) è più complicata della loro.
L’inglese capisce che stiamo tentando di parlare la lingua del grande bardo
nel peggiore dei modi, ma è divertente è, francamente, più stimolante.

Questa casa sembra un albergo: gente che va e che viene.
volontari che vanno e vengono, gente diversa e lingue diverse
che s’intrecciano nella babele domestica da gustare davanti ad una tazza fumante di thè
discorrendo in inglese standard mischiando frasi in spagnolo, italiano, polacco e ucraino.
Gente che s’addormenta ubriaca sul divano dopo aver celebrato compleanni
a base di wodka.
Questa casa è diventata anche la mia, sarà difficile non pensarci quando ritornerò
dai miei.
Mi mancheranno tutti e ci penso adesso che manca una settimana alla partenza e ancora
non ho preparato la valigia.
Al ritorno la neve sarà ancora lì
insieme alla gente ubriaca, ai miei amici di bevute, alle mie adorate coinquiline.
Pausa di riflessione su questo anno che finisce
e su una avventura che sembra infinita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...