1 · principale

Un aneddotico aneddoto

08bd1fed170b68c4a286dfc63b9719765b345d

Questa è una strana storia che riprende tutti gli errori comuni nello scritto secondo lo zingarelli minore.
Gli errori corretti sono evidenziate in maiuscolo.

Considerai che ACCELERARE era APPROPRIATO e diedi l’AVALLO all’ANEDDOTICO BIRICHINO di CALTANISSETTA
di portarci presto all’AEROPORTO,
feci la sua CONOSCENZA durante una COLLUTTAZIONE per un COLLUTORIO che lo vide protagonista con l’ESTERREFATTO INGEGNERE MACHIAVELLI,

il birichino mostrò la sua ECCEZIONALE COSCIENZA COSMOPOLITA dichiarando di poter ESSICCARE il MISSISSIPPI,
prontamente l’ingegnere gli replicò
“Non puoi è PRESSOCHé impossibile”,
“Zitto tu! Che ti occupi solo di PERONòSPORA” e da lì un’accesa discussione sulla SCIENZA.
Cominciarono a SCORRAZZARE per le strade ostentando tutto il loro sapere:
” è COSì, niente CIOè!”
replico il BIRICHINO che, improvvisamente, decise di sedare la contesa
“Andiamo in un CAFFè per un Tè
“disse con fare amichevole
“Si, ma prima delle VENTITRé, PERCHé devo incontrarmi con un altro BUON AMICO”
Rispose l’ingegnere che era piuttosto preoccupato
“Devo comprare un’AMàCA da portare all’AUTòDROMO”
Fortunatamente, l’altro buon amico si presentò al caffè giusto in tempo.
Era un BOLSCEVìCO vecchio stile che portava con sè un BAùLE.
Alle richieste di aggiungersi al brindisi genereale, a base di birra, il BOLSCEVìCO spiegò
“Grazie. CENTELLìNO questa birra quindi DEVìO
verso l’azienda EDìLE “èUREKA” in FRIùLI del mio amico elettricista Elio l’ELèTTRODO”
Ma i due bevvero così tanto da GIACèRE ubriachi al porto vicino alla GòMENA di una nave diretta
al porto di NùORO.
Il Birichino riuscì a PERSUADéRE l’ingegnere a seguirlo in MULìEBRE compagnia per assaggiare un LECCORNìA particolare.
Alzarsi, per l’ingegnere, fu una lotta ìMPARI contro l’INFìDO Birichino che, con fare ìLARE, lo faceva cadere ripetutamente.
“Se continuate così della LECCORNìA particolare non resterà nemmeno una MOLLìCA.” gli diceva didendo a crepapelle.
Fortunatamente, ad aiutare il povero ingegnere intervenne il brigadiere SARTìA che disse ai due
” è meglio che mi seguiate in caserma ”
Portandoli in caserma, il brigadiere disse al maresciallo “NON OSO DIRE cosa hanno combinato i due”
intervenne il maresciallo Marescia che liquidò la questione dicendo
“Non hanno commesso reato. CHE ESSI VADANO dove devono andare.”
I due andarono via fra le proteste del brigadiere costernato e confuso che si sentì dire dal superiore
” Lasciali andare, piuttosto, VORREI CHE TU VENISSI con me in UN SILO dove c’è una questione da risolvere”
NEL Silo c’era un VIGILANTE che lavorava GRATIS per una ditta EDILE minacciata da specie di Tèrmiti voracissime.
Non ebbero il tempo di REDIGERE il verbale quando dal MURALE di fronte comparve un enorme TèRMITE
Che distrusse tutta l’azienda EDILE del legno e mangiò il vigilante.
I due sembravano spacciati finché non intervennero Il mitico Birichino e il geniale ingegnere che uccisero la Termite
grazie ad una MOLLìCA avvelenata.

Morale della favola:
Non arrivammo mai all’aeroporto
e le termiti furono tutte sterminate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...