1 · principale

Sanscemo

La disperazione diventa spettacolare
e per, alzare l’audience, gli autori che
la sanno lunga, strizzano l’occhio e si mettono, anzi
mettono in crisi l’italia in televisione.
Martedì sera, dopo la filippica del grillo blaterante
ecco che arriva un esibizione degna dei tempi di superpippo
ma stavolta Fazio, più velenoso di una vespa di nome Bruno,
fa l’accomodante e non il superoe e, in nome del popolo sanremese,
tranquillizza gli aspiranti suicidi ricordandogli il Bello della diretta.
Non ci sono più i pippi di una volta senza tanti grilli per la festa!

1 · principale

Breve mente

Ancora con la testa in Germania e al meeting di buone pratiche (comoda copertura del mio lavoro di spionaggio internetzionale)
Arrivano due turisti russi che si stupiscono dei frutti sugli alberi e si fanno le foto a Sarello.
Per sapere cosa succede a casa mia chiedo al mio vicino di casa
che risponde “vitti a to cugnata ra Baria cha iccava vuci e sunava a chitarra”
Primo: chi è questa mia fantomatica cognata di Bagheria?
( come se venisse da un altro stato)
Secondo: “iccava vuci” significa cantare e “sunava una chitarra” perchè faceva una serata al pub di fronte
Terzo: I turisti russi erano in realtà le mie cognate di certi scambi culturali.
Dal diario di uno mesto viaggiatore, capitolo 2 “Dio! Perchè mi sono fermato ad Aspra?”