Senza categoria

incomprensioni informatiche


<html>

<head> Avere il mal di testa dai troppi tag</head>
<style type=”texto.ciseisei> stylosa questa impostazione, sicuramente da un tocco in più alla rappresentazione
su schermo!
<minkia aspe=“ho dimenticato ad aggiungere qualcosa. Un color: visibile; o un font: appropriato;
</minkia aspe>
</style>
Il <body> è questo: da alcuni giorni, riprendendo i tag, rivedo il mondo sotto gli occhi di una pagina web. Non sono io che guardo il mondo ma il browser che guarda me sotto forma di pixel, informazione minuta, minuti per minuti, un flusso incredibile d’informazione come non ne abbiamo mai avuto.
{&egrave} (ma non tanto) un fenomeno chiamato=”informinquinamento
Da tutto ciò mi estraneo, almeno da alcuni anni lo faccio, cercando il riferimento <a href=”altrove.csei”> in un altro posto immaginario.</body>
<meta name>Qui ci sono solo relazioni gerarchiche tra fratelli e figli. Un mondo finalmente ordinato lontano dai flussi di pensieri sconnessi finora provati,

<p>esito non ultimo ma intermedio della mia recherche linguistica 3.0 </p>

che voi idioti clikkatori non capirete.

O voi che vedete, a secondo dei link rel, tutto in #000000 o tutto in #FFFFFF. Nero e bianco, che non esistono.
<–! Non importa adesso commentare tutto questo,forse neanche si vedrà–>

p. piede{position: La ricerca continua…}