Senza categoria

Fuga al mare

P_20160710_080007
Nel pomeriggio decido di andare al mare preparandomi pinne, fucile, occhiali, rivista da leggiucchiare, radio am/fm, crema abbronzante e ciabatte da mare .
Al mare arrivo insolitamente presto e soltanto dopo 3 ore di fila, incolonnamenti vari conditi da bestemmie, urla, clacson impazziti e simpatici effluvi nocivi provenienti da cassonetti stracolmi.
Al mare trovo posto fortunatamente a soli 10 km dalla battigia e in mezzo ad un bungalow composto da tre famiglie incastonate una sopra l’altra e intente a friggere
qualunque cosa di commestibile restituisca il mare.
Verso le 7, dopo alcune ore si scottature e bagni rinfrescanti tra bambini urlanti,
ecco che arriva Anita dalla Svezia.
Quale dolce visione in mezzo a tanta bruttezza!
La tipa è furiosa per vecchie ruggini e comincia il suo discorso quasi aggredendomi :
“Tu hai detto ‘Con te voglio restare amici ma solo durante la colazione’ e un attimo dopo, cosa succede? Che in macchina con la bocca aparta vedo un porco
et l’uccello sul finestrino.
Penso che forse è stato meglio restare a letto. Adesso sento come una pazza.
Sei pazzo anche tu e scappi via senza ragione.
Non lo so anche se voglio restare a cena con un pazzo come te. Forse l’anno prossimo.
Ma adesso dove trovare la soluzione e finalmente trovare un nuovo marito. L’uomo che non è un porco – è difficile e, perché è una questione di fortune.
E vero, ma non lo so se devo cercare vicino o lontanto di casa.
A partire da oggi devo prendere una decisione – voglio partire o restare amici con il mio marito.
Il mio marito è come un pigro cavallo che sa la previsione del tempo per giorno prossimo – lui fa un lavoro straordinario, è un meteorologo!
In fin dei conti, non è cosi brutto come sembra.
Ma lui non è il migliore marito sotto il sole tropicale, perché lui è pigro e non puo aspettare andare a cena invece che in palestra
Domani voglio svegliare e, prima di tutto sapere che fa a palestra con i vecchi amici di prigione.
Se dice ‘niente’ lo so che è una bugia!
Ancora e ancora un mucchio di bugie con questo uomo! Che perdita di tempo con questo pigro pazzo!
Ma ora, scusa devo scappare, perche adesso voglio viaggiare e allora devo andare con mia compagna di viaggio. Arrivederci.”
Dicendomi tutto questo senza neanche fiatare, va via con la sua amica sbattendomi in faccia la tovaglia da mare. A quanto pare suo marito la sta ancora cercando.

1 · principale

Notti insonni d estate

Mi sveglio sudato e appiccicaticcio come se avessi corso la maratona di new york per poi accorgermi che sono le 5e20 del mattino e il gallo del vicino più che cantare sta già soffrendo il caldo. Alle 9 vado a fare la spesa posteggiando l’auto in tripla fila e piu che a spina di pesce letteralmente a cazzo di cane. il supermercato è affollato di gente che non fa compere ma è li a godersi l’aria condizionata.  Molti di loro si lamentano dei prezzi alti delle pesche ricordandosi,  con mal celata nostalgia , di quando erano loro a raccogliere e esportare pesche fino in Groenlandia dove hanno conosciuto la donna della loro vita che non sono riusciti a sposare per un cavillo burocratico. Ritorno dal supermercato e il mio cane sta tentando d ingropparsi la gamba di mia madre che tenta di dargli da mangiare conficcandogli bocconi di manzotin nelle orecchie. Faccio uscire il cane e lo piscio anche se lui preferisce farlo da solo. E mezzodì e fuori ci sono 45 gradi ma a lui non importa perché ha visto la cagnetta promessa che scappa via impaurita  tuffandosi a mare con un doppio salto carpiato con accompagnamento del padrone urlante e bestemmiante. Alle 3 del pomeriggio dopo aver nuotato per 35 miglia inseguendo la cagnetta, il mio amorevole allupato ritorna con tre seppie, alcuni polpi e dei granchi di mare piuttosto spaventati che confessano a denti stretti di aver subito abusi sessuali dai due cani e dal padrone, la guardia costiera assolve gli imputati giudicando le testimonianze non attendibili in quanto gli imputati sono in attesa di cottura.

Senza categoria

Riepilogo europeo

In piazza c’è la partita della nazionale!
Tutti sono fieri di essere italiani, tutti soffrono, tifano e festeggiano.
Poi arrivano i dannati rigori che ci hanno visti perdere per 3 mondiali consecutivi:
Italia 90, Usa 94, Francia 98.
E la  Germania va in semifinale ad affrontare la Francia padrona di casa .
Gli islandesi si fermano come noi ai quarti, la potenza del geyser li ha spinti in Francia eliminando Olanda, Austria e Inghilterra.
Il Portogallo è riuscito nell’impresa di non vincere una partita nei 90 minuti regolamentari e arrivare in semifinale contro il galles rugbystico e combattivo.
IL resto è da scrivere. L’Italia esce a testa alta e tra le lacrime dei giocatori .
Si sono visti pochi gol e tanta pioggia conditi da scivoloni imprevisti.