1 · principale

Lamento del Natale della Cultura

Si narra che per la vigilia di Natale di tempo addietro, al supermercato più conveniente e famoso del circondario di una cittadina siciliana, si era verificato un evento che sapeva di straordinario. Due belle ragazzuole vestite con un munuto vestitino di Babbo Natale- che lasciava le gambe scoperte evidenziate da dei bei collant trasparenti- stavano accogliendo  i cari clienti del supermercato spargendo sorrisi e caramelline. D’improvviso, un piccolo grande SUV di colore bianco Natale si ferma -ovviamente in doppia fila e accostato alla meno peggio, nel rispetto delle tradizioni locali- all’entrata del supermercato bloccando la circolazione e il transito delle altre auto.

Tutti sono inviperiti e alterati, lo è pure il posteggiatore abusivo che va a lamentarsi con il guidatore invitandolo almeno a spostarsi. Ma, sorpresa delle sorprese, dal finestrino fa capolino il sorriso sornione e allegro di Babbo Natale che vedendo il giovinotto esclama:
“Buon Natale caro posteggiatore! Prendi questi utili sacchetti dell’indefferenziata e distribuiscili agli automobilisti. Oh,oh,oh!”.
Il traffico si paralizza, ma la gente invece di lamentarsi comincia a differenziarsi e abbbracciarsi cantando canzoni di SantoStefano e ballando in cerchio intorno al mucchio
di sacchetti che è diventato un albero addobbato d’immondizia profumato di limoni e arance andate a male.Il nostro caro Babbo esce dal supermercato con le nataline-rennine sotto braccio dicendo a tutti:”Che lo spirito dei consumi sia con voi! Ci vediamo più tardi alla pinacoteca-villa per la 12esima riapertura della villa della Cultura! ”

Intanto alla villa della Cultura fervono i preparativi. Ci sono gli operai, le autorità, gente comune, il comune rappresentato, gente non-comune, amici dei politici che odiano i politici, politici che odiano gli amici e la gente, quadri del grande maestro, e i vip che tutti amano e apprezzano. Fra di essi c’è il noto showman-giornalista-attore-regista Fippo noto per essere di Palermo e per i suoi film, c’è il noto regista che tutti conoscono e hanno conosciuto quando ancora non era famoso e che incoraggiavano a seguire le sue aspirazioni con pernacchie e insulti vari, c’è il valoroso sindaco che scommette sulla cultura non vincendo ma almeno partecipando. Tutto questo bel mondo va in giro rigorosamente in auto inquinanti da posteggiare a casaccio e sotto l’attenta guida degli steward-posteggiatori abusivi che indicano posteggi improvvisati
in mezzo a simpatiche discariche abusive.
Si scatenano i giornalisti che intervistano il sindaco:”Questo è un grande evento di grande importanza per la nostra cittadina. Da oggi diventiamo la capitale morale della cultura e dei posteggi abusivi. Grazie all’aiuto di Babbo Natale abbiamo sconfitto definitivamente la spazzatura grazie ai sacchetti che fanno la differenziata.”

Fa il punto anche Fippo che dichiara:”E bello arrivare qui tra arbusti, piante varie e auto di grossa cilindrata posteggiate strategicamente in strade strette e anguste. La villa è come me la ricordavo: protetta dalla mole incombente di questo bell’ecomostro-raffineria degli anni migliori quando la mafia dava lavoro e uccideva solo d’estate”
Il regista fischiato e ammirato dichiara:”Non sento nulla, ma sento il calore degli effluvi nocivi dell’immondizia indifferenziata che si confonde con il profumo degli sfincioni appena sfornati e il profumo del mare inquinato dalle industrie. Sensazioni uniche che solo questa città riesce puntualmente a regalarmi. Tra le 12 riaperture della villa- comprese le chiusure non ufficiali e improvvisate- questa è la più chiassosa, ecocompatibile, green, social e che fa rete grazie alla presenza dell’amministrazione”.

Un plauso speciale va a Babbo Natale e alle nataline-rennine che hanno improvvisato un bel balletto sensuale in mezzo ai SUV posteggiati nelle stradine adiacenti, provocando bei momenti di ilarità generale e regali da discount per tutti i protagonisti.
E stata una bella serata in cui a vincere è stata la Cultura e una certa Cultura- dichiara l’assessore alla Cultura che ribadisce- domani la villa resterà chiusa ma riaprerà nei prossimi giorni in orari da decidere e passibili di variazioni casuali date dal simpatico custode mafioso che non capisce nulla di quadri ma ne capisce in quanto posteggi e sfincioni. Grazie a tutti e viva Babbo Natale e la Cultura.”

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...