1 · principale

Tradurre ossia portare oltre

La traduzione non nasconde il proprio orientamento verso uno stadio ultimo e
decisivo di ogni costrutto linguistico.
Nella traduzione l’originale (non si riproduce semplicemente ma) lievita
in un’atmosfera linguistica più alta e pura.
La traduzione significa una lingua superiore a quella che è e, quindi,
resta inadeguata, estranea e persino violenta rispetto al proprio contenuto.
Compito del traduttore è di trovare quell’intenzione rispetto alla lingua d’arrivo
dove si ridesti l’eco dell’originale.
La traduzione non si trova, come la poesia, dentro alla foresta del linguaggio,
ma fuori e di fronte. Per amor suo, il traduttore rompe le barriere fatiscenti
della propria lingua. La traduzione tocca l’originale di sfuggita e solo nel punto infinitesimale del senso. L’errore
Fondamentalmente del traducente è di attenersi allo stato contingente della propria lingua invece di lasciarsi commuovere dalla lingua straniera. Per quanto buona sia la traduzione,non può mai significare qualcosa per l’originale. E,tuttavia, essa è in intimo rapporto con l’originale in forza della sua traducibilità, addirittura, in rapporto tanto più intimo quanto meno significa per l’originale. La parola del poeta sopravvive nella propria lingua, anche la più grande traduzione è destinata a essere presa dallo sviluppo della lingua e a perire nel suo rinnovamento.

Il compito del traduttore, Walter Benjamin,1920

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...