1 · principale

Dialogo notturno di un precario errante


Così, per l’ennesima volta, hai bisogno di andare per avere una parvenza di lavoro e/o di vita?
Si, funziona così, è la globalizzazione, bellezza!
Però ti è piaciuta la pacchia? Ti è piaciuto il disimpegno, il lamentarti sui social, criticare tutti e tutto schifandosi della solita enorme merda che avvolge qualunque agire politico/sociale-economico di questa terra disperata?
Ti è piaciuto farti campare e lasciarti campare?
Si, ed è stato durante una ubriacatura molesta che hai capito che si poteva e doveva cambiare approccio e modo di fare pur sapendo che eri ancora prima dell’inizio e che le difficoltà e buoni consigli di tanti ti avrebbero portato a lasciar perdere, ad accontentarti, a non pensarci e ad accettare la solita carità elemosinata di un lavoro tanto per averlo, di una ragazza che magari manco ti ama e di una unione basata sul niente e sul vacuo nulla che ci circonda?
E adesso cosa vuoi? cosa cerchi?
Dignità a una vita che la televisione ti ha sempre detto perfetta
e mai reale. Dignità per te stesso e per i tuoi figli se mai ne avrai. Dignità per quello che pensi di poter fare con la tua grinta ma che, inevitabilmente non fai perchè la gente non è pronta, non vale la pena o è troppo rischioso ed è meglio portarsi a casa il misero stipendio e i discorsi di cui sopra.
Che la rabbia canalizzata esclusivamente nei social era fine a se stessa è funzionale ma per niente costruttiva. Che bisognava agire sbagliando cento volte piuttosto che lasciare agire e criticare per partito preso. Che il lavoro culturale deve avere una dignità e fare una associazione culturale non è solo un passatempo costruttivo ma una missione forte. Che forse è meglio scappare per l’ennesima volta piuttosto che tentare di agire alla meno peggio o tanto per fare qualcosa. Che è meglio restare in questo limbo di potere e volere fare piuttosto che andare in giro a rompere e distruggere tutto l’edificio di convenzioni borghesi e pagare con la vita manco fossi un martire o un terrorista.
Che passata l’ubriacatura tutto tornerà magnificamente inutile e schifoso e ci sguazzerai contento nel malessere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...