Senza categoria

Peppino rivive 40 anni dopo

Il corteo è partito. In testa ci sono i ragazzi della scuole, alcune bandiere rosse e vecchi militanti rossi. Ma il messaggio deve passare alle nuove generazioni. La mafia non ha vinto.

Il resto rimane. Oltre gli slogan rimangono i bar “food e drink” che fanno lavorare gente forse meno impegnata di prima. la provincia stanca e disimpegnata si ricorda di una delle tante vittime innocenti di ieri e li lascia andare. La speranza non è morta, i tempi cambiano, i simboli restano. Le lotte di ieri sono un ricordo sbiadito oggi, ma il buon esempio da seguire, chi del pensiero critico ha fatto la sua ragione di vita, chi ha imparato e insegnato a ribellarsi oggi rivive come se 40 anni fa non lo avessero ucciso e distrutto.

Le sue spoglie mortali saranno pure dei pezzi scomposti ma i suoi gesti e le sue parole ancora integre e vive ci arrivano sempre ribelli e attuali.

Questi ragazzi che marciano gridando il loro “No alla mafia” lo fanno con la serenità e tranquillità di oggi e sono guidati dai genitori come ad una festa di paese e, alla fine, questo è il miglior messaggio da dare.

La porta di casa è e resterà sempre aperta. Qui la legalità è di casa

Amore Non Ne Avremo

Nubi di fiato rappreso
s’addensano sugli occhi
in uno stanco scorrere
di ombre e di ricordi:
una festa,
un frusciare di gonne,
uno sguardo,
due occhi di rugiada,
un sorriso,
un nome di donna:
Amore
Non
Ne
Avremo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...